Colpo di Testa - Storie e Segreti dei Personaggi dello Sport

Federico Mari

Lo sport è una delle cose più utili alla nostra vita, ma spesso è un mondo chiuso da cui è difficile imparare. Unitevi a Federico Mari (primo Athlete Development Specialist in Italia certificato da PAADS) per scoprire le storie, i segreti e le skills dei personaggi del mondo dello sport. Ogni episodio contiene consigli da applicare alla vita di tutti i giorni e una rara possibilità di entrare come mai prima nel dietro le quinte del mondo dello sport.

All Episodes

Alessandro Cherchi è manager di pugili e organizzatore di eventi di pugilato attraverso la sua azienda Opi Since 82. La grande boxe sta tornando! Non l’ha detto Alessandro perché lui preferisce il duro lavoro alle parole. Lo dico io perché so come stanno lavorando Alessandro e la sua promotion Opi Since 82. Duramente. Con passione. Con creatività. Con Alessandro abbiamo parlato del suo lavoro e della sua passione per la boxe, dei cosiddetti money fights che coinvolgono gli Youtuber Jake e Logan Paul e del presente e futuro della boxe in Italia. Sono sicuro che nei prossimi anni in tanti andremo a provare dal vivo l’adrenalina pazzesca che si vive in una grande serata di boxe. La grande boxe sta tornando! Buon ascolto!

Sep 7

46 min 36 sec

Andrea “Il Barbaro” Fusi è un atleta di arti marziali miste che attualmente combatte nella promotion Oktagon MMA. Le MMA sono lo sport che negli ultimi anni ha registrato il più alto tasso di crescita negli USA. Pensate che si riempiono stadi da decine di migliaia di posti. La qualità di questi eventi sono eccezionali e ne ho avuto la prova a Las Vegas quando ho assistito a un combattimento del nostro Marvin Vettori. Andrea è stato davvero bravissimo a raccontare il “dietro le quinte” della vita del fighter professionista. Purtroppo chi non conosce questo sport spesso pensa che si tratti di violenza quando invece si tratta di uno sport molto difficile dove gli atleti devono conciliare una condizione fisica pazzesca a uno studio approfondito della strategia dell’avversario. Con Andrea abbiamo parlato infine dell’aspetto mentale del fighter e del temuto taglio del peso. Benvenuti nel magico mondo delle MMA.

Aug 16

1 hr 4 min

Antonello Brambilla è il preparatore dei portieri del Watford, squadra di Premier League e di proprietà della famiglia italiana dei Pozzo. Antonello ha allenato grandissimi portieri come Cragno, Sirigu, Lobont e Viviano. Prima di lavorare per il Watford, Antonello ha avuto esperienze in Arabia Saudita, Qatar e Romania oltre che al Cagliari e alla Sampdoria.  In questo episodio scoprirete: come si allena un portiere come si allena un portiere per preparare i calci di rigore l'aspetto mentale della preparazione del portiere il libro di Antonello Papere e Miracoli il sistema a specchio E tante altre curiosità sul fantastico mondo dei portieri. Buon ascolto.      

Aug 3

39 min 52 sec

- VM 18 -   Se avete bisogno di ridere o se volete emozionarvi. Se vi interessa capire come nasce un campione o se piuttosto vi interessa scoprire come si scrive la storia di uno sport. Allora siete capitati nel posto giusto! Fidatevi di me. Cortina in estasi. Un uomo che sorride al pericolo. Un orecchio amputato in un grave incidente stradale. Un cavallo nei corridoi di un hotel in Francia. La spaccata più famosa della storia (sorry Roberto Bolle). Austriaci invidiosi. Un paio di vertebre trattate a pesci in faccia.  Un papà old style avaro di complimenti fino a pochi anni fa. Il caso Gianluca Vacchi: anche se Alberto Tomba lo nega ancora...voi non sapete e io non sapevo che, il ballerino-DJ-influencer Gianluca Vacchi, da piccolo stracciava sugli sci sia Ghedina che Tomba. Quello con Kristian è stata una vera discesa libera nei ricordi più emozionanti della sua carriera. Il tutto accompagnato dalla simpatia che rende Kristian davvero unico. Buon ascolto guys! ****************************************************************** Questo episodio è dedicato alla memoria di Adriana...prima maestra donna della scuola di sci di Cortina.   

Aug 2

1 hr 14 min

Massimo Cosentino è General Manager del Sion, club della serie A svizzera. In passato ha ricoperto il ruolo di Segretario Generale della Sampdoria e dell’Inter dove di recente si è laureato Campione d’Italia. Massimo è una persona umile, ambiziosa, con i piedi per terra e con tanta voglia di portare innovazioni in un Club di calcio. Il futuro è suo. Con Massimo abbiamo parlato del ruolo di Segretario Generale, dei corsi di formazione in ambito sportivo e dei vari step della sua carriera. Abbiamo terminato con alcuni consigli preziosi per chi volesse avvicinarsi al mondo del calcio. Buon ascolto!   NOTE EPISODIO [06:00] il ruolo di Segretario Generale [10:00] i mentori di Massimo [11:00] consigli per chi volesse intraprendere una carriera nel calcio [15:00] i corsi di formazione in ambito sportivo [17:00] l’esperienza all’Inter [19:00] il Sion e le innovazioni nel calcio [26:00] i Colpi di Testa  

Jul 25

30 min 45 sec

Simone Origone è il re dello sci di velocità, chiamato anche chilometro lanciato. Pensate che Simone in carriera ha vinto 12 volte la Coppa del Mondo e 6 volte l’oro ai Mondiali. Un assoluto dominatoredi questa disciplina. Simone non è solo il più titolato di sempre ma negli anni ha addirittura apportato a questo sport delle vere e proprie innovazione che col tempo sono state copiate dagli altri atleti. Con Simone abbiamo parlato di questo sport affascinante, della velocità, della paura, della concentrazione e delle grandi emozioni che hanno contraddistinto la sua carriera. Buon ascolto!   NOTE EPISODIO [11:30] gli inizi di Simone nel chilometro lanciato [16:00] la relazione con la paura  [17:30] la concentrazione [19:00] la preparazione del campione di chilometro lanciato e la galleria del vento [21:00] le innovazioni tecniche che Simone ha portato negli anni  [28:00] le 4 emozioni più grandi della carriera di Simone [37:00] i Colpi di Testa

Jul 13

41 min 58 sec

Michele “Iron Mike”  Verginelli è il pioniere delle MMA (arti marziali miste) in Italia. Michele è anche il coach di Alessio Di Chirico, atleta della promozione UFC e uno degli atleti italiani più forti di sempre. Con Michele abbiamo parlato di alcuni aneddoti divertenti della sua carriera di fighter, dei suoi viaggi in Brasile per migliorarsi con i migliori atleti al mondo, del suo ruolo di allenatore e dell’importanza della gestione dell’aspetto mentale per un fighter. Mi auguro che questo sia il primo di una di una lunga serie di episodi sul mondo delle MMA di cui sono un grande appassionato. Buon ascolto 🙌 NOTE EPISODIO [03:30] un ko “divertente” [06:10] i campi di allenamento con i campioni in Brasile [12:40] la paura e l’aspetto mentale del fighter [15:30] strategie per gestire lo stress emotivo dell’atleta [16:10] i rischi per la salute del taglio del peso [18:30] lo studio dell’avversario [21:30] le promotions UFC, Bellator e ONE [23:30] Di Chirico vs. Adesanya; Vettori vs. Costa

Jul 6

29 min 52 sec

Paolo De Chiesa è un ex campione di sci italiano. Paolo, oltre che per la sua carriera sugli sci ricca di soddisfazioni, è conosciuto per essere la voce dello sci e per le sue telecronache e per le analisi delle gare di sci. Questo episodio è ricco di aneddoti, storie divertenti e considerazioni sullo sci degli anni 70 e 80 e sui campioni di oggi ma la cosa piu bella di questa chiacchierata, la cosa che mi ha fatto venire i brividi, è la forza con cui Paolo, dopo un periodo buio e una tragedia sfiorata, si è ribellato alla paura e allo sconforto e piano piano è riuscito a tornare prima sugli sci e poi addirittura sul podio! Non mollare mai…ma proprio mai…è l'insegnamento prezioso che possiamo trarre dalle parole di Paolo. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [05:00] il podio più importante [07:00] lo slalom di Kitzbühel e Hansi Hinterseer [09:00] cosa si prova a battere il proprio idolo? [11:00] la riscossa dopo un periodo buio e una tragedia sfiorata [15:00] la paura di vincere [18:00] la tensione al cancelletto di partenza [19:00] un aneddoto su Stenmark e l’angoscia [21:30] il grande sgarbo del 1978 [29:00] considerazioni su Pinturault, Schiffrin, Bode Miller [33:00] l’innovativa sciata di Katharina Liensberger e Alice Robinson [35:00] Paolo De Chiesa oggi [39:00] I Colpi di Testa (domande personali a Paolo)

Jun 29

48 min 49 sec

Uli Forte è un allenatore di calcio nato e cresciuto a Zurigo ed originario di Salerno. Uli ha iniziato ad allenare da giovanissimo ottendo in carriera due secondi posti nel campionato svizzero, due Coppe Svizzere oltre a diverse buoni risultati in Europa League. Con Uli abbiamo parlato dell’incubo più grande di un allenatore, della gioia per un allenatore di far debuttare i giovani calciatori e di quando ha affrontato campioni come Lukaku e Salah. Questo e molto altro nell’Episodio #30 con Uli Forte. Buona ascolto! NOTE EPISODIO [04:35] come è cambiato il calcio negli ultimi anni [17:35] la cosa più bella per un allenatore: la gioia del far debuttare i giocatori giovani [20:50] l’incubo più grande di un allenatore [22:55] come affrontare Salah (battuto in finale di Coppa Svizzera) [26:40] la gestione dei calciatori [31:55] la relazione talento-grinta e l’esempio di Materazzi [35:25] gli stages presso gli altri allenatori [43:20] i Colpi di Testa [44:25] Lukaku vs Ibrahimovic. 

Jun 20

49 min 12 sec

Laurent Colette è Managing Director dell’Olympique di Marsiglia. Laurent è un manager sportivo di grande esperienza e durante la sua carriera ha lavorato per la Nike, il Barcellona e la Roma prima di approdare al Marsiglia. In questo episodio abbiamo parlato di molti argomenti interessanti tra cui i pilastri della strategia di crescita a medio termine dell’Olympique Marsiglia. Buon ascolto!   NOTE EPISODIO [07:15] alcune differenze tra la Roma e il Barcellona [10:30] i progressi della Roma nel mondo digitale [13:15] usare i benchmark di settore per gestire la pressione del management [15:15] la pressione dei tifosi è positiva? [22:30] i pilastri della strategia di crescita del Marsiglia [24:15] le accademie dei Club francesi sono in assoluto tra le migliori d' Europa [28:00] le sfide che un club deve affrontare per essere sostenibile e allo stesso tempo ottenere risultati sportivi [33:15] i Colpi di Testa

Jun 14

39 min 30 sec

Luis Scola, giocatore della Pallacanetro Varese, è uno dei giocatori di basket più forti che abbia mai militato in Europa. Con la nazionale argentina ha vinto di tutto tra cui un oro olimpico e, prima di approdare in Italia, Luis ha giocato 10 anni in NBA. Con Luis abbiamo parlato della giornata tipo del giocatore NBA e del supporto allo sviluppo personale che gli atleti ricevono dalle squadre NBA ma anche di Lebron e Doncic. 🇺🇸  Pensate che alcuni giocatori, durante la carriera, riescono a fare degli stage in Facebook piuttosto che alla Cnbc o alla Apple. Gli Stati Uniti sono avanti anni luce per quanto riguarda il supporto agli atleti. Infine con Luis ci siamo promessi di portare a Varese Julius Randle dei NY Knicks… almeno in vacanza. Buon ascolto 🙌 NOTE EPISODIO [07:00] Luis definisce quello che per lui è il successo [09:00] La “Generazione D’Oro” del basket argentino [13:40] Gli anni in NBA [14:30] la giornata tipo di un giocatore di NBA [18:30] il jet privato delle squadre NBA [21:20] Luis racconta chi sono stati i giocatori più forti e i più tosti che affrontati in NBA [24:30] il Rookie Transition Program dell’NBA [34:30] il film seven, la casa di Varese e Lebron James  

Jun 7

41 min 41 sec

Giuseppe Sannino è un allenatore di grande esperienza e carisma. Oltre ad aver allenato in tutte le categorie in Italia, Sannino ha avuto esperienze anche in Inghilterra, in  Grecia e in Ungheria.  In questo episodio colmo di aneddoti divertenti ma anche di riflessioni profonde, Mister Sannino racconta del meraviglioso rapporto con i tifosi inglesi, spiega come si relaziona con i calciatori per guadagnare la loro fiducia e ci parla del talento naturale di Paulo Dybala. Episodio davvero interessante. Non aggiungo altro e vi auguro un buon ascolto! NOTE EPISODIO [08:30] l’esperienza al Watford e il calcio inglese [21:00] la storia delle dimissioni di Sannino [24:00] le esperienze in Grecia e in Ungheria [27:30] come è possibile che Marco Rossi alleni la nazionale ungherese ma non abbia sfondato in Italia? [33:00] le prime cose che fa un allenatore quando assume la guida di una squadra [35:00] strategie per guadagnare la fiducia dei calciatori [44:00] lo scontro con Ciccio Brienza e i record a Siena [48:00] Dybala vs Ilicic e la definizione di talento [50:00] i club e il supporto ai calciatori [51:30] un’analisi del management del Milan [57:00] a cosa servono i ritiri estivi? [01:02:00] I Colpi di Testa [01:04:00] Dybala vs. Lautaro Martinez

May 31

1 hr 9 min

Matias Vecino, calciatore dell'Inter e della nazionale uruguaiana, si è laureato di recente Campione d’Italia. Con Mati abbiamo parlato delle emozioni che vivono i calciatori quando firmano un contratto o quando fanno un gol. Della difficoltà di vivere mesi fuori dal campo a causa di un infortunio. Del periodo di ambientamento che vive un calciatore quando cambia paese o squadra. Di Neymar che Matias reputa un vero fenomeno. Del calciatore che secondo Matias è il più sottovalutato in Serie A...un giocatore "da Real Madrid" come l'ha definito lui. Insomma, in questo episodio avete la possibilità di capire in profondità quello che succede nella testa di un calciatore di alto livello. …ma soprattutto…chi è secondo voi il giocatore che prepara le grigliate alla Pinetina? Buon ascolto. NOTE EPISODIO [min 05:00] i ricordi di Matias all’epoca delle giovanili in Uruguay [min 09:40] tradizioni e rituali uruguaiani: l’asado e il mate [min 13:00] le routines pre-partita [min 14:20] le descrizioni delle più grandi emozioni che prova un calciatore [min 20:30] il goal al Tottenham e quello che passa nella testa del calciatore quando segna [min 25:00] come un calciatore affronta psicologicamente un lungo infortunio [min 31:00] la pressione di San Siro [min 36:00] la transizione di un calciatore da un continente all’altro [min 40:00] i Colpi di Testa. Domande personali e curiosità su Matias Vecino [min 43:00] Messi o Ronaldo? Neymar [min 46:00] Godin, sinonimo di successo.

May 24

50 min 49 sec

[🇫🇷  ÉDITION FRANÇAISE] Sidney Broutinovki est le fondateur et président de l'EAJF (eajf.fr). Cette école est leader dans la formation des agents de football. Actuellement basée à Paris, en France, elle pourrait bientôt s'étendre à l'Italie et à l'Espagne. Nous avons parlé à Sidney de la façon dont l'idée de créer une école pour les agents de football est née, des conseils qu'il donne aux entrepreneurs en herbe et des qualités qu'un agent de joueurs de football doit avoir pour réussir. Ceci et bien plus encore dans ce merveilleux épisode. Je n'ajouterai rien d'autre et je vous souhaite une bonne écoute!  NOTES [02:30] Harvard University et un incroyable réseau [05:55] l’école des agents de joueurs - EAJF [31:55] l’évolution de la EAJF [43:30] les compétences que doit avoir l’agent de joueurs aujourd’hui [46:30]conseils pour des aspirant entrepreneurs [50:55] question personnelles pour Sidney : film, messages inspirationnel, truc fou [01:04:00] expansion internationale de EAJF ************************************************************* [🇮🇹  Italiano 🇮🇹] Sidney Broutinovki è il fondatore e presidente della EAJF. Questa scuola è leader nella formazione per agenti di calciatori. Attualmente con sede in Francia a Parigi, prossimamente dovrebbe espandersi in Italia e in Spagna. Con Sidney abbiamo parlato di come è nata l'idea di creare una scuola per agenti di calciatori, dei consigli che dà ad aspiranti imprenditori ed imprenditrici e delle qualità che deve avere un agente di calciatori per aver successo. Questo e molto altro in questo interessantissimo episodio. Non aggiungo altro e vi auguro un buon ascolto (in francese)!  PS: se siete interessati a saperne di più potete scrivermi e vi metterò in contatto con la scuola.

May 17

1 hr 5 min

Eugenio Amos è pilota di rally cross country e imprenditore nel settore automobilistico. Come pilota, Eugenio partecipa da diversi anni ai rally più avventurosi del pianeta come il Rally Dakar. Da una persona cosi eclettica, colta, amante dell’avventura e ambiziosa non poteva che nascere uno dei progetti più belli riguardante il settore delle automobili italiano. Eugenio Amos è infatti il padre della Lancia Delta Futurista. Questa bella tra le belle, in edizione limitata da 20 modelli, ha impressionato i più grandi collezionisti di auto e ha scritto una pagina importante della storia automobilistica italiana. Vedere per credere. Con Eugenio abbiamo parlato di automobili fantastiche, di rally avventurosi ma anche di preparazione fisica e mentale, di libri e di Cristiano Ronaldo. Non aggiungo altro e vi auguro un buon ascolto! NOTE EPISODIO [05:00] Eugenio Pilota, dal Kart Cross alla Dakar [09:30] la preparazione di Eugenio per i Rally di lunga distanza [12:50] rischi e pericoli dei Rally lunghi [14:00] l’importanza della preparazione mentale e esempi di strategie per preparare la testa: la visualizzazione positiva [18:00] la Parigi-Dakar (che oggi si corre in Arabia Saudita) [21:30] Eugenio Imprenditore [23:45] la Lancia Delta Futurista [26:30] Martina, la macchina [31:30] un nuovo progetto super ambizioso [33:30] i Colpi di Testa (domande personali a Eugenio Amos)

May 10

48 min 23 sec

Marta Maggetti è un'atleta di punta del windsurf italiano. Marta si è guadagnata da poco la possibilità di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo. Se versiamo in un bicchiere tanto mare, sole, onde e vento e ci aggiungiamo località splendide come Cadice, Tokyo, e Santander per poi condire il tutto con tanta passione, umiltà e serietà ne esce come per magia la nostra campionessa di windsurf Marta Maggetti.  In questo episodio scoprirete da che direzione provengono i venti Libeccio e Scirocco, come Marta riesce a mantenere livelli così alti grazie a una preparazione fisica e mentale costante e una alimentazione che negli ultimi mesi è diventata vegetariana oltre a tanti spunti sul meraviglioso mondo del windsurf. Appuntamento quindi in estate a Tokyo dove tutti ci ritroveremo a tifare per Marta! Buon ascolto! NOTE EPISODIO [05:00] che vento è? [05:30] gli inizi della carriera di Marta [08:00] la settimana tipo di una regata di Windsurf [11:00] la preparazione di Marta: vogatore, preparazione mentale e alimentazione [17:55] mantenere i piedi per terra e la gestione di una delusione [19:40] il filosofo Seneca [21:40] i Colpi di Testa (domande personali a Marta).  

Apr 30

30 min 57 sec

Alessandro Palmarini è un cardiologo che dal 1955 dedica anima e cuore alla medicina e ai suoi pazienti. Ad alcuni atleti succede di avere improvvisamente problemi al cuore, anche dopo anni di carriera e, dopo essersi sottoposti a innumerevoli esami. Spesso con un'operazione tutto si risolve e l’atleta può tornare a giocare ma purtroppo a volte l’attacco di cuore risulta fatale. Con il Prof. Palmarini ho voluto approfondire quello che succede a questi atleti. Perché dopo anni di esami emergono improvvisamente dei problemi? Perché questi problemi non si manifestano quando l’atleta è giovanissimo/a? In questo episodio davvero importante troverete contenuti interessantissimi come: - un consiglio importante per tutti i genitori che hanno figli che praticano sport - la descrizione di una malattia invisibile e quello che bisogna fare per smascherarla - l’esercizio che in assoluto fa meglio alla salute  (è anche uno dei più facili da fare) Finiremo con una curioso aneddoto che collega il merluzzo e la radio e con una massima da ricordarsi del Prof. Palmarini. Buon ascolto e mi raccomando…quello che imparate raccontatelo ad amici e parenti! NOTE EPISODIO [03:15] la laurea nel 1955 [06:45] la terapia a base di cuore di bue [08:35] la valvola mitrale, fibrillazione atriale e l’aneddoto del camallo del porto di Genova [15:15] l’importanza della prudenza e l’importanza di indagare sul paziente [16: 15] Porto Cervo e l’Aga Khan [19:45] il paracadutista di Varazze e l’infarto in atto [23:45] il caso Morosini [25:35] il caso Astori [26: 15] il caso Puerta [26:35] la fibrillazione ventricolare e l’alterazione del movimento della parte destra del cuore [31: 15] gli esami che si effettuano agli sportivi e l’importanza della risonanza magnetica “Non farei entrare in campo un atleta agonistico senza avergli fatto una risonanza magnetica" [33:30] la sindrome di Brugada: una malattia bastarda. [37:50] la prevenzione deve partire dall’analisi familiare accurata e protratta nel tempo (fino ai nonni) perché le malattie possono saltare una generazione [41: 15] la malattia di Cassano, il forame ovale pervio e il pericolo di lipotimie (svenimenti) [44:45] Kanu e il restringimento della valvola polmonare [45:45] consigli per giovani atleti e la risonanza magnetica a 400 EUR [47:45] genitori state attenti, responsabilizzatevi e fate gli esami ai vostri figli [48:55] abbiamo fatto più di 8’000 ecocardiogrammi [50:30] insegnamenti: guardare nella propria famiglia per cercare una patologia e non aver paura di pagare con le proprie tasche un esame in più che può essere decisivo [51:45] Colpi di Testa  [53:25] Dal Merluzzo alla radio di Marconi…un cenno storico [53:45] l’attività più importante e completa che ci sia per la salute [56:45] TV=S+C2 mutualità della formula di Einstein: proteggere la vita = sapere e intervenire con velocità. Capire e agire con velocità LIBRO Il Merluzzo -  Mark Kurlanski

Apr 26

58 min 43 sec

"Chi sa solo di calcio, non sa nulla di calcio." -- José Mourinho Alberto Angelastri lavora nell' FC Barcelona dove ricopre il ruolo di Match Analyst della prima squadra del Barcellona Femminile. Dopo aver studiato Scienze dello Sport a Bari, Alberto si è trasferito a Barcellona dove ha studiato presso il Barça Innovation Hub (barcainnovationhub.com) e ha allenato le giovanili delle squadre catalane Sabadell FC e Can Vidalet. Proprio il Master al Barça Innovation Hub gli ha spalancato le porte dell' FC Barcelona.  Come entrare a far parte dell'FC Barcelona? Cos’è la Match Analysis? Come si diventa Match Analyst? In questo viaggio virtuale a Barcellona scoprirete questo e tanti altri spunti davvero interessanti. Buon divertimento!  NOTE EPISODIO [03:40] Barcellona. Consigli per una vacanza. [06:00] gli studi di Alberto per diventare Match Analyst. [08:00] l’università del F.C. Barcellona. [09:55] un libro stra consigliato: il metodo Mourinho. [10:50] il master che ha fatto Alberto al Barça Innovation Hub. [13:00] la Periodizzazione Tattica Portoghese e il Microciclo Strutturato nel Calcio di Paco Seirul-lo. [15:40] la ricerca di uno stato di inadeguatezza come percorso di crescita. [16:20] le esperienze da allenatore. [21:00] come Alberto è entrato nel FC Barcellona. [27:00] la Match Analysis. [28:40] la vera capacità del match analyst è quella di farsi le giuste domande per poter filtrare le informazioni e i dati che gli servono maggiormente. [30:30] esempio di dati importanti da analizzare. [36:20] la settimana tipo di un analista. [41:00] il lavoro dell’analista prima, durante e dopo la partita. [43:20] il ruolo dell’analista non è di previsione ma di osservazione.  [47:40] consigli per ragazzi e ragazze interessati alla Match Analysis. [51:00] neuroscienze, psicologia e sistemi complessi. [55:00] come diventare Match Analyst. [57:30] fare network, essere curiosi e conoscere gli strumenti del mestiere come i software da usare. [58:00] I Colpi di Testa. [01:05:00] un ringraziamento a tutte le calciatrici. LIBRI MENZIONATI Pensieri Lenti e Veloci - Daniel Kahneman L'Errore di Cartesio - Antonio Damasio La Metamorfosi -  Pep Guardiola    

Apr 18

1 hr 13 min

Giacomo Raspadori è considerato uno dei grandi talenti emergenti del calcio italiano. Giacomo gioca come attaccante nella nazionale U21 e nel Sassuolo Calcio. Nonostante la giovane età Giacomo ha già indossato la fascia di capitano del Sassuolo e ha indossato la maglia delle nazionali giovanili per ben 38 volte. Leadership, Recupero Post-Partita, Prevenzione Infortuni, Sonno, Dieta, Self-Talk, Musica e molto altro. In questo episodio entriamo in profondità come non mai nella vita di un calciatore professionista. Cosa mangia un attaccante prima di dover affrontare campioni come Skriniar e De Vrij? Cosa si fa per recuperare più velocemente dopo una partita? Come ci si allena per prevenire un infortunio?  Questo e tanto altro nell’episodio con Giacomo Raspadori. Buon ascolto. NOTE EPISODIO [03:00] cos’è la leadership [05:00] gli inizi nel Sassuolo grazie al fratellone [06:00] destro? sinistro? Ambidestro! [07:30] il recupero post partita [10:00] la prevenzione degli infortuni [11:10] il sonno [13:00] l’emozione per il primo goal in serie A [16:00] l’alimentazione prima della partita con l’Inter [18:00] l’impatto fisico dei difensori di A [18:45] fattori a cui Giacomo attribuisce il suo successo [22:00] self-talk. L’arte di parlare a sé stessi in maniera positiva [24:00] Obama e musica [26:00] attività imprenditoriali [30:00] i Colpi di Testa [33:00] il legame con la famiglia.

Apr 11

42 min 22 sec

Mark Tschudy è stato un campione di hockey su ghiaccio e oggi  è uno stimato imprenditore nel settore degli investimenti.  Con Mark abbiamo parlato di come lo sport ad alti livelli gli abbia permesso di bruciare le tappe nel competitivo mondo delle banche d'investimento. Bitcoin, Ethereum, avventure in paesi esotici, i delicati equilibri di uno spogliatoio, i diversi stili di management degli allenatori e la grande possibilità che un atleta ha di aver successo anche dopo la fine della carriera sportiva. Con Mark Tschudy abbiamo toccato davvero tanti temi.  Mi auguro che tanti sportivi professionisti ascolteranno questo episodio dove Mark spiega molto bene come la carriera sportiva gli abbia dato in eredità tutta una serie di strumenti che si sono rivelati fondamentali per la sua carriera nel mondo della finanza. A tutti gli atleti: ricordatevi che avete una marcia in più, ricordatevi che lo sport vi ha insegnato, vi sta insegnando e vi insegnerà come avere successo una volta terminata la vostra carriera. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [04:00] gli stipendi dei giocatori di hockey in Svizzera [08:00] all’estero con la nazionale svizzera [12:00] aneddoti divertenti [12:40] un Antonio Cassano nell’hockey [13:00] il carnevale di Salvador de Bahia [14:00] truffati come polli! [17:00] levati dalle palle giovane! [18:30] i segreti dello spogliatoio [19:40] allenatori con diversi stili di management [26:00] i cori della curva per Mark [34:00] le commozioni celebrali: cause e sintomi [36:00] quello che l’hockey ha trasmesso a Mark: spirito di sacrificio e abitudine a combattere per un obiettivo comune [38:00] c’è una seconda carriera dopo quella sportiva [40:00] un grande rischio per tutti gli atleti [41:00] investment banking [48:00] Bitcoin, criptovalute e finanza decentralizzata [52:00] una previsione sul prezzo del Bitcoin [56:00] discorsi molto seri sul Fantacalcio. Errori madornali, Lukaku e Ciro Immobile [01:00:00] i Colpi di Testa (domande personali)  

Apr 4

1 hr 8 min

Corinna Dentoni è una tennista italiana. Nel 2009 si qualifica, a soli 19 anni, al Roland Garros mentre nel tennis giovanile raggiunge la top 10 mondiale. Corinna vanta nel suo curriculum vittorie contro Flavia Pennetta, Caroline Garcia e Suarez Navarro. Con Corinna abbiamo parlato della vita della tennista pro, delle grandi emozioni che le ha regalato il tennis e degli errori che ha commesso in carriera. Ma anche di Miami e di Roger Federer. Per i tennisti amateur, Corinna svela inoltre dei segreti per migliorare velocemente e poter "demolire" amici e colleghi! Buon ascolto! NOTE EPISODIO [01:00] scappiamo tutti a Miami! [02:30] il tennis è pugilato (A. Agassi) [04:15] cosa rappresenta il tennis per Corinna [05:00] gli step per diventare professionista [06:30] la vita della tennista…viaggi, hotel, tensione e solitudine [07:30] i tornei in posti atroci [08:30] come gestire la tensione pre-match. Le routine per controllare la tensione e i funghi a colazione [11:10] l’allenamento della professionista. Forza fisica e rapidità [12:30] Roger Federer [15:00] quanto contano gli allenatori [16:30] la gelosia [17:20] consigli per stracciare colleghi e amici. Le accademie [19:30] a che età i giovani possono scommettere tutto sul tennis? [21:20] a 16 anni Corinna era tra le prime 8 al mondo [23:00] le vittorie più belle di Corinna . Flavia Pennetta, Caroline Garcia, Suarez Navarro.  [24:00] Roland Garros e lo shopping [24:40] i momenti difficili. Infortuni e "tennis scommesse" [31:00] il futuro di Corinna [32:00] i Colpi di Testa (domande personali a Corinna).  

Mar 29

37 min 7 sec

“Non si vive celebrando vittorie, ma superando sconfitte” Marcelo Bielsa Filippo Galli è cresciuto nel settore giovanile del Milan per poi vincere diversi scudetti e coppe europee con il Milan. Con Filippo abbiamo ripercorso i suoi esordi da ragazzo nelle giovanili del Milan, le sue più grandi emozioni come il primo goal a San Siro, la tensione prima della finale ad Atene del 1994 contro il Barcellona e tanto altro. Ma la cosa che più mi piaciuta è stato ascoltare come Filippo sia convinto che per far crescere i giovani atleti si debba usare un approccio olistico, totale, dove ci si prende cura dell’atleta a 360° gradi non focalizzandosi solo sulla condizione fisica, sulla tattica e sulla tecnica. Per crescere il calcio italiano ha bisogno di persone che pensano come Filippo Galli e sono certo che grazie al suo lavoro nei prossimi anni vedremo emergere tanti giovani talenti. Buon ascolto!   NOTE EPISODIO [06:00] una visione sistemica della metodologia [07:50] gli inizi nel Milan [14:20] la “dual-career” è fondamentale [15:50] la concentrazione: una delle competenze chiave di Filippo [16:40] non si possono dividere gli aspetti cognitivi da quelli tecnico-tattici [18:20] un approccio olistico, totale e sistemico del giocatore e delle organizzazioni [18:50] le emozioni più grandi che lo sport ha dato a Filippo [20:50] il ritorno al Milan [22:00] la qualità importante di un settore giovanile [26:00] il filosofo Edgar Morin [26:45] la formazione nel settore giovanile del Milan [27:50] Atene: la finale Milan-Barcellona 4-0 [31:20] Fabio Capello [33:50] aspetti fondamentali che servono agli atleti per emergere  [35:20] l’allenatore deve avere empatia e deve sapere relazionarsi con gli atleti [35:50] l’importanza della relazione del club con le famiglie degli atleti [41:20] una cosa importante che bisogna migliorare in Italia [43:50] Filippo e i corsi per responsabili dei settori giovanili [44:50] l’approccio psico-sociologico (e il contesto che sta attorno all’atleta) [46:35] i Colpi di Testa: Neil Young, Herman Hesse, i Måneskin e Marcelo Bielsa.

Mar 22

59 min 19 sec

Maheta Molango è prima di tutto una persona molto ambiziosa e con una volontà di ferro. Questo gli ha permesso di lasciare un piccolo paese di campagna in Svizzera per giocare nell'Atletico di Madrid. Poi di diventare un avvocato di successo nello studio legale internazionale Baker Mckenzie ed infine di assumere la carica di CEO del club di calcio Real Mallorca. E poi? Come mi ha detto una volta un conoscente in comune "Maheta è uno da Real Madrid". Anche io sono convinto che prima o poi lo vedremo in un club da Champions League.  Con Maheta abbiamo parlato dell'importanza di avere il giusto mindset e di come bisogna sempre credere in se stessi. Abbiamo in seguito discusso delle sfide che attendono i club di calcio e di come il romanticismo salverà il calcio. Se avete bisogno di una storia che ispira o se aspirate a diventare un manager sportivo nel mondo del calcio questo è l'episodio che fa per voi. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [03:25] come Maheta è giunto all’Atletico Madrid [07:25] l’importanza di avere il giusto mindset [11:45] gli inizi presso lo studio legale internazionale Baker McKenzie [15:25] bisogna sviluppare qualità che ci differenziano dalla concorrenza [18:25] l’avventura come CEO del Mallorca [24:25] il ricordo più emozionante dell’esperienza a Maiorca [25:55] l’importanza di creare un gruppo di persone affiatate [27:55] il ruolo del CEO nel club di calcio [28:45] un bravo manager deve saper unire gli interessi della parte commerciale e quelli della parte sportiva [31:25] l'equilibrio tra la ricerca della vittoria e quella della sostenibilità [34:45] innovazioni in termini di management o di gestione dei calciatori che i club devono attuare [35:25] il Covid ha messo in evidenza le debolezze nella gestione dei club [36:55] i club non hanno informazioni sui tifosi [37:25] la digitalizzazione farà conoscere meglio i tifosi e permetterà ai club di adeguare l’offerta [39:25] cosa ci ha fatto innamorare del calcio? La Gen. Z non fermerà il calcio [41:25] il mix della versione romantica del calcio e dell’esperienza unica allo stadio [46:25] il programma di formazione della FIFA [51:25] i Colpi di Testa. Domande personali a Maheta. LIBRI DA ACQUISTARE SUBITO Il Leader Calmo - Carlo Ancelotti  The Real Madrid Way - Steven Mandis      

Mar 15

1 hr 3 min

Umberto Gandini è un manager sportivo con alle spalle 23 anni da dirigente nel Milan e un’esperienza da Amministratore Delegato dell' AS Roma. Attualmente ricopre il ruolo di Presidente della Lega Basket Serie A. Con Umberto abbiamo parlato dei suoi anni al Milan. Non so se capiterà più a qualcuno di vivere quello che ha vissuto Umberto: lavorare come dirigente nello sport più mediatico al mondo, per uno dei club piu importanti del mondo e nel momento piu importante della storia del club. Umberto ha in seguito raccontato della sua esperienza come Amministratore Delegato della Roma e di come il calcio a Roma influenzi la vita dei cittadini come in nessun luogo al mondo. Per finire abbiamo parlato delle qualità che secondo Umberto sono importanti per aver successo nel mondo dello sport e delle grandi sfide che lo sport dovrà affrontate in futuro, sia a causa della pandemia ma anche per le caratteristiche della generazione Z, ovvero dei tifosi del futuro. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [03:15] le prime esperienze di Umberto nel mondo dello sport [06:30] un po’ di storia della teleivisione [08:30] gli inizi nel Milan e l’AD Galliani [14:00] vita da dirigente al Milan: la task più bella e quella più complicata [19:00] il ricordo piu emozionante: la Coppa Campioni di Atene [20:40] la Super Lega [25:00] l’esperienza da Amministratore Delegato della Roma [27:00] la pressione unica che caratterizza la Roma [31:45] la responsabilità delle emozioni delle persone [33:00] una battuta della sindaca Raggi [34:00] i calciatori di oggi sono delle aziende e alcuni sono più importante delle società stesse [35:00] la grande sfida dei club è di mantere l’attenzione del pubblico sul proprio prodotto che è la partita e non il giocatore [35:30] la generazione Z segue più il calciatore che una squadra e ha una soglia di attenzione diversa [36:00] il COVID ha cambiato le nostre abitudini [37:30] il boom delle piattaforme streaming [38:30] la generazione Z: una soglia di attenzione della durata di 9 secondi! [40:00] un club dovrebbe assumere un sociologo? [43:00] lo sviluppo personale e la formazione dei calciatori [44:50] troppi soldi, troppo presto [46:00] la gestione dei giocatori nel Milan di Berlusconi [48:00] acquistare calciatori seguendo la filosofía aziendale [49:20] consigli per i giovani che vogliono intraprendere una carriera nel mondo dello sport [50:00] empatia, networking, relazioni personali e soft skills [52:30] i Colpi di Testa.

Mar 6

57 min 6 sec

Mauro Meluso è il Direttore Sportivo dello Spezia Calcio che, ad oggi, è una delle rivelazioni della Serie A, non solo per quanto riguarda l’andamento in campionato, ma anche per il modo con cui sta affrontando partita dopo partita. Come si diventa direttore sportivo di un club di calcio? Com’è la settimana tipo di un direttore sportivo? Come si sceglie un giocatore?  Questi sono alcuni dei temi che grazie a Mauro scoprirete in questo ricco episodio. Buon divertimento!   NOTE EPISODIO [11:40] Mauro e le giovanili nella Lazio [14:00] Bruno Giordano: uno dei tre talenti più importanti della storia d’Italia [17:40] Il tridente del Foggia di Zeman [20:50] gli inizi da Direttore Sportivo [22:30] il bando per diventare Direttore Sportivo e l’iscrizione all’albo [25:20] la giornata tipo di un Direttore Sportivo [27:20] il mercato e l’area scouting [28:00] la settimana tipo prima di andare in ritiro [29:40] l'attività quando non c’è il calciomercato [31:10] il team di Mauro [32:30] come un DS sceglie i giocatori [34:50] l’importanza della gestione della comunicazioni e delle regole [37:30] le trattativa con l’entourage del giocatore [39:50] giocatori con grandi motivazioni [41:30] consigli per aspirante Direttori Sportivi [42:50] il supporto agli atleti negli Stati Uniti [43:50] l’importanza dell’aspetto psicologico nella prevenzioni degli infortuni [45:50] la voce stipendi calciatori è il 70% dei costi di un club di calcio [47:50] I Colpi di Testa. Domande personali a Mauro Meluso.

Feb 28

56 min 56 sec

Paolo Carito è un manager sportivo riconosciuto a livello internazionale come uno dei principali esperti in economia, politica e innovazione tecnologica dello sport. Attualmente Direttore Sviluppo Strategico, Commerciale e Innovation Marketing della Lega Pro (Serie C), è il responsabile per la definizione del piano industriale 2020-2023, il processo di innovazione e trasformazione digitale e la strategia di posizionamento competitivo. Con Paolo abbiamo discusso di tanti temi tra cui la peculiarità del ruolo del manager sportivo e le ultime innovazioni nel settore del calcio. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [09:05] ciò che lo sport rappresenta per Paolo [13:35] i valori di Paolo: curiosità, coraggio e cambiamento [20:35] Lega Pro, Serie C e Calcio Servizi [24:35] l’organizzazione dei club in Lega Pro [25:55] una ricerca interessante [26:55] l’importanza delle risorse umane [31:00] il modello di sport in USA [35:15] alcuni consigli per giovani che vogliono emergere nello sport [36:15] l’importanza della formazione [41:55] l’opinione di Allegri sui dirigenti nel mondo del calcio [47:45] "non ho mai visto nessuno con la maglietta dell’Esselunga" [48:45] il manager sportivo dev’essere il più completo possibile [50:55] calcio e innovazione [55:45] big data [58:45] il supporto personale ai giocatori [01:01:15] l'impatto del covid sul calcio [01:05:05] I Colpi di Testa (domande personali  a Paolo)

Feb 22

1 hr 18 min

Riccardo Guffanti ricopre il ruolo di Responsabile Scouting del Cagliari Calcio. In questo episodio Riccardo racconta come la sua carriera, iniziata in un calcio di altri tempi, l'ha portato a ricoprire ruoli di prestigio in club di calcio come Udinese e Cagliari. Come si scopre un talento? Cosa valuta un club di calcio quando cerca un nuovo calciatore? Quali sono le 4 aree di osservazione? Come lavora uno scout internazionale? Che formazione bisogna fare per diventare uno scout professionista? Con umorismo e ironia Riccardo ci permette di tuffarci, in maniera interessante e divertente, nel misterioso mondo dello scouting di calciatori. Buon divertimento! [09:40] come si scova un talento? [10:40] match analysis vs. scouting [12:40] lo scout non sceglie ma valuta [13:50] perché si fanno valutazioni su calciatori già affermati [15:50] lo scout del club vs. lo scout di un’agenzia di procuratori [19:50] i vari tipi di scout [21:55] scout significa esploratore [23:00] un consiglio per chi inizia il percorso di scout: “piu che agli occhi si deve dare valore all’ascolto” [24:20] osservare, ascoltare, capire e valutare [27:30] la metefora del fungo porcino [30:00] la metafora del legno pregiato [33:00] la metafora del garofano [33:35] la funzione dei tecnici [38:10] Un esempio di scouting [44:00] Nigeria. I rischi del mestiere [47:00] le caratteristiche che valuta uno scout [47:10] le 4 aree di osservazione fisse [48:50] le qualità comportamentali difficilmente sono migliorabili [49:10] che qualità può migliorare un calciatore? [53:00] in cosa consiste l’area comportamentale [01:01:10] l’atteggiamento può e dev’essere modificato grazie alla volontà del calciatore [01:08:30] i percorsi di formazione per gli aspiranti scout [01:12:40] i tre tempi di valutazione nel gioco: le 4 valutazioni di base, fase di possesso e non possesso, e transizione [01:15:20] come dividere la valutazione di un calciatore: prima lo valuti fisicamente (forza, resistenza) e poi tecnicamente [01:15:50] i corsi per diventare scout [01:19:40] i Colpi di Testa. Domande personali a Riccardo.

Feb 16

1 hr 30 min

Carlo Molfetta è un ex taekwondoka italiano, campione olimpico ai Giochi olimpici di Londra 2012. Dopo il primo espisodio con Deni Fiorentini, che onore poter aggiungere una nuova medaglia olimpica al palmarès del podcast Colpo di Testa! Con Carlo abbiamo parlato di come si deve amare la fatica, di come si può gestire la paura e di quel sali e scendi che è la carriera di un atleta e che l’ha portato a vincere l’oro olimpico. Questo e molto altro nell’episodio con Carlo Molfetta!  Buon ascolto! NOTE EPISODIO [03:10] Carlo come Lukaku! [05:05] a maggio esce il libro di Carlo [06:55] come Carlo ha iniziato a praticare Taekwondo. [08:45] il significato della parola Taekwondo. [09:20] le discipline di combattimento olimpiche. [10:15] differenze tra taekwondo e karate. [11:25] la strategia di sfruttamento del punto di forza dell’avversario. [14:55] Molfetta vs. Jordan. I limiti sono da superare o è contropruducente? [16:05] mai cercare di recuperare troppo velocemente! [20:05] un aneddoto divertente. [21:05] il potere della visualizzazione! [24:20] l’ossessione di Carlo.[25:05] il tuo piu grande nemico sei tu stesso. [26:05] la pressione porta risultati ma anche batoste. [27:30] la fatica si ama! [29:15] la batosta ad Atene 2004. [32:35] cercare di mantenere un equilibrio nei momento positivi e nei momento negativi. [34:15] l’amore per la sfida. [37:35] cambiare per vincere. [39:05] per poter cambiare bisogna voler cambiare. [41:05] gestire la paura. [44:45] la paura di vincere è la sola cosa piu forte della paura di perdere. [46:55] un insegnamento che Carlo ha tratto dalla sua carriera. Prendere tutto con la giusta importanza. [47:45] i Colpi di Testa.

Feb 5

53 min 42 sec

Andrea Riboli è per metà uno scienziato e per metà un preparatore fisico. Negli ultimi anni ha lavorato come Head of Sport Science all’ Atalanta. Con Andrea ho parlato di tanti argomenti che riguardano l’allenamento fisico e che possono aiutare chiunque a migliorare il proprio allenamento e le proprie performance sportive. Non aggiungo altro e vi auguro un buon ascolto! NOTE EPISODIO [13:20] dal Liceo Classico alla Sport Science in serie A. [17:10] l’allenamento della forza: squat e stacco da terra.[18:10] allenare la forza nel calcio significa aumentare la velocità.,tenere botta negli spalla contro spalla e sprintare forte. C'è un Iink forte tra forza e sprint nel calcio. [19:20] come un calciatore allena la forza. [26:10] conoscere i dati del giocatore prima di acquistarlo. [29:25] strumenti tecnologici utilizzati per studiare le performance in allenamento. [34:40] la settimana tipo di Andrea. [38:00] la scala di valutazione della fatica del calciatore. [40:20] gli atleti, il sonno e i bambini. [55:50] Italia vs. estero. [01:01:30] consigli per chi vuole seguire le orme di Andrea. [01:03:00] come nasce un documento di ricerca scientifica. [01:06:00] alcune ricerche scientifiche di Andrea. [01:15:00] la ricerca sull’utilizzo dell’acqua fredda e della crioterapia per il recupero post allenamento. [01:26:00] Andrea consiglia alcuni esercizi fisici! Non dimenticarsi di allenare la fora una volta a settimana: squat, squat, squat! [01:28:10] ricordarsi di alternare serie con ripetizioni da 10-12 con serie da 2-3 ripetizioni con carico più pesante. [01:29:00] evoluzione dell’utilizzo della tecnologia nel calcio. [01:35:00] come Andrea ha reagito nella sua carriera alla barriere che ha trovato in carriera. Un consiglio: instaurare un buon dialogo. [01:44:45] I Colpi di Testa (domande personali ad Andrea). [01:47:00] essere aperti nei confronti degli altri e collaborativi per aiutarci a crescere.  

Jan 17

1 hr 52 min

Ryder Matos è un attaccante brasiliano che gioca nell’Empoli. Con Ryder abbiamo intrapreso un viaggio che ci ha portato a ricordare i suoi esordi a Salvador nello stato brasiliano di Bahia per poi parlare del suo arrivo poco più che quattordicenne alla Fiorentina e dell’emozione del suo esordio nel calcio professionistico. Abbiamo poi parlato della sua dieta, della cucina brasiliana, delle interminabili partite ai videogiochi con i giocatori dell’Udinese Wallace e Rodrigo Becão e della sua passione per gli scacchi. Non aggiungo altro e vi auguro un buon ascolto! NOTE EPISODIO [02:20] lezione di portoghese. [04:05] l’infanzia in Brasile. [06:40] il carnevale di Salvador di Bahia. [09:30] come Ryder ha attirato l’attenzione delle squadre italiane. [10:30] come funziona un provino. [14:10] l’emozione dell’esordio in A con la Fiorentina. [15:10] la transizione da club a club. [16:50] la cucina brasiliana. [17:40] la dieta di Ryder. [20:30] l’allenamento di un calciatore professionista. [22:30] la crioterapia. [24:00] esercizi fisici preferiti. [26:25] il videogioco Call of Duty online con Wallace e Becao dell’Udinese. Battle Royal. [29:10] la passione per gli scacchi – The King Gambit. [33:50] l’apertura “Difesa Siciliana”. [35:00] “I Colpi di Testa”. Domande personali a Ryder. [37:40] Più pace nel mondo! [38:50] Un consiglio al Ryder a 18 anni: passione. [39:50] rischi ed errori a cui i giovani calciatori devono stare attenti a non commettere. [41:20] l’invito a Rodrigo Becao e Wallace. PERSONE MENZIONATE Corvino, Giuseppe Rossi, Cuadrado, Neto, Mario Gomez, Aquilani, Borja Valero, Romagnoli SERIE e FILM The Queen Gambit, Rocky Balboa VIDEOGIOCHI Call of Duty  

Jan 17

43 min 16 sec

Alessandro Spanò, ex difensore centrale e capitano della Reggiana, nel 2020, nonostante la promozione della Reggiana in serie B, ha deciso di cambiare strada e di mollare il calcio per un percorso di studi a Londra alla Hult Business School. Il ministro Spadafora ha definito Alessandro un esempio per i giovani, altri l’hanno chiamato l’eroe normale. Per me Alessandro è una persona che con la sua esperienza, e le sue scelte, può insegnarci tanto! Con Alessandro ho parlato di tantissimi temi interessanti tra cui la blockchain e le crypto valute come il Bitcoin, gli investimenti tipici dei calciatori, la transizione di carriera dell’atleta e l’importanza dell’istruzione. Questo è un episodio incredibile per tutti gli atleti che vogliono saperne di più su cosa fare “da grandi” e riflettere su come investire i propri risparmi. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [04:10] la transizione da atleta a studente. [05:30] la dieta dello sportivo. Rivolgersi a uno specialista e non copiare la dieta altrui. Ogni fisico ha dei bisogni unici. [07:00] la colazione tipo di Alessandro. [08:10] gli integratori. [10:10] l’allenamento più duro per Alessandro. [11:50] l’importanza del sonno. [115:15] i punti di forza di Alessandro come atleta e nella vita (essere trasversale, essere curioso). [17:45] l’importanza della testa nella vita dello sportivo. [20:00] i club danno ancora poco supporto all’atleta in quanto alle transizioni che avvengono durante la carriera. [25:00] la differenza tra l’identità inclusiva ed esclusiva per lo sportivo. [27:35] riflessioni sul significato di istruzione. [30:35] un aneddoto divertente! [33:55] la Hult Business School. [35:25] si parla di Blockchain e Crypto. [42:50] come negli USA le squadre aiutano gli atleti a studiare. [46:40] Immaginiamo una scuola diversa che aiuta i ragazzi a crescere come persone. [49:30] soft skills, hard skills e street skills. [49:50] investimenti: il test della ricchezza fatto ad Alessandro (potete farlo tutti!) [57:30] come gestire i risparmi: la regola del 50/40/10. [60:00] in cosa investono i calciatori. [60:40] blockchain e cryptovalute. [1:06:00] libro consigliato: Il Problema Spinoza. [1:06:25] Platone vs. Aristotele vs. Epicuro sullo scopo della vita. [1:09:15] i calciatori e la felicità. [1:11:35] le aziende cercano attivamente di assumere ex sportivi. [1:12:20] i Colpi di Testa: domande super personali per Alessandro. [1:12:50] Alessandro consiglia il libro La Mia Lotta per Libertà di Yeonmi Park. [1:14:20] come superare una difficoltà. [1:15:40] un consiglio molto importante per i giovani calciatori. PERSONE MENZIONATE Samuel Umtiti, Fabio Borini, Park Yeon-mi LIBRI La mia lotta per la libertà, Il problema Spinoza

Jan 3

1 hr 21 min

Nicolò Mirra è uno dei punti di riferimento della scena eSports italiana. Con un passato nei team eSports di Roma e Inter oggi gioca per il team eSports dell’Atalanta. Nicolò è stato nominato dalla rivista Forbes nella lista dei 100 personaggi più importanti under 30 in Italia ed è stato ospite della trasmissione televisiva E poi c’è Cattelan. Con Nicolò ho parlato del fantastico mondo degli eSports, della vita del giocatore professionista di videogiochi, dell’importanza di allenare la testa e di diverse tattiche per allenare la concentrazione che possiamo adottare tutti. Buon ascolto! TEMI TRATTATI Cos’è FIFA Ultimate Team. La comunicazione come strumento di successo per un gamer professionista. E Poi C’è Cattelan… Stermy: un esempio di vincente. Donovan Hunt. Il più grande talento del gioco Fifa. La settimana tipo di un gamer professionista. L’importanza dell’allenamento della testa. Una serie di esercizi per migliorare la concentrazione: il giochino Exagon, esercizi di respirazione, positive self-talk, l’allenamento del tempo. Un esercizio speciale: l’allenamento del tempo con l’app “metronomo”. Consigli per un/a giovane gamer che cerca un’agenzia di rappresentazione. Cos’è e come funziona Twitch e il futuro dell’entertaiment sportivo. I Colpi di Testa (domande personali a Nico). I film di Christopher Nolan. Un messaggio al Nicolò Mirra 16enne. Un consiglio ai giovani e alle giovani che vogliono entrare nel mondo degli eSports. PERSONE MENZIONATE Stermy, Crazy_fat_gamer (Diego Campagnani), Pow3r (Giorgio Calandrelli), Team Fnatic, Los Amigos, theShow, Nadeshot, Mauro Lucchetta, Cattelan, Hernan Crespo, Javier Zanetti, Mirko Mengozzi,Christopher Nolan,

Jan 1

1 hr 26 min

Paolo Giovannini ha lavorato come social media manager nel Treviso Basket, nel Venezia Calcio e nella SPAL. Nel 2020 si è lanciato nel mondo dell’imprenditoria con l’apertura dell’agenzia di social marketing Giovannini Social Net. Con Paolo ho ripercorso le tappe della sua carriera, dai primi sacrifici, all’apertura della sua agenzia. Abbiamo parlato del rapporto dei calciatori con social media e del ruolo del social media manager in un club di calcio. Dopo l’episodio #2 con Paolo Salvarezza, questo è un altro episodio interessante per chi volesse ricevere dei consigli su come utilizzare in maniera professionale il proprio account Instagram. Come dice Paolo: "ogni post dev’essere come un quadro di Picasso: fuori dagli schemi e originale". Buon ascolto! 🙌 NOTE EPISODIO [08:45] la gestione dei social media nel Treviso Basket. [13:00] La pressione come elemento positivo. [16:30] gli ostacoli per il social media manager in un club sportivo.  [20:10] a chi si rivolge un’agenzia di comunicazione digitale. [21:00] l’importanza di costruirsi un network di professionisti di qualità. [21:40] l’approccio del “sarto”. [26:00] dal basket al calcio. [29:30] un modo per emergere nel calcio: essere veloce e preciso nella creazione di contenuti. [30:00] il social media manager in un club di calcio. [35:10] le differenze tra i vari social network. [36:10] una statistica curiosa. [41:10] il rapporto dei calciatori con i loro profili social. [43:10] un aspetto importante da curare in un account di un calciatore: l’etica. [45:00] Lo scandalo Rodman-Petagna. [48:00] come vengono gestite le star sui social. [52:00] un modo per valutare un social media manager che ha lavorato bene. [58:30] la gestione dei social è ancora più importante nei club più piccoli! [1:00:00] Il caso di Jacopo Segre. [1:05:00] Consigli su come usare i social. [1:07:00] un post dev’essere come un quadro di Picasso. [1:07:40] I Colpi di Testa: domande personali a Paolo. [1:11:00] un modo per rilassarsi. PERSONE MENZIONATE Davide Moretti, Joe Tacopina, Veronica Bon,  Boccalon, Federico Giacinti, Marco Alessandri, Andrea Petagna, Dennis Rodman, Sfera Ebbasta, Gianluca Di Marzio, Bernardo Silva, Mendy, Jacopo Segre, Vagnati, Film Inception, Giacomo Cosua

Dec 2020

1 hr 18 min

Luiz Cardoso (IG: luizcardosoo) è uno dei principali agenti dell’agenzia brasiliana di agenti di calciatori Un1que Football (web: un1quefootball.com e IG: un1que_football). Questa agenzia, tra le più importanti in Sud America, gestisce più di 50 atleti tra cui i giocatori della nazionale brasiliana Rodrygo del Real Madrid e Gabriel Menino del Palmeiras. La Un1que ha uffici in Brasile, Spagna e in Italia.  Luiz Cardoso ha iniziato la sua carriera nel mondo del giornalismo sportivo per poi trasformare la sua passione per lo sviluppo dei calciatori iniziando a lavorare come agente di calciatori a San Paolo in Brasile. Il suo punto di forza nella vita professionale è quello di instaurare con i propri giocatori, attraverso un approccio votato all’assoluta trasparenza, un rapporto fraterno. Quello che Luiz vorrebbe invece migliorare è l’equilibrio tra la vita personale e quella professionale. Le regole del successo per Luiz? La trasparenza, la pazienza e il duro lavoro. In questo episodio esploriamo molti temi tra cui: Una strada per entrare nel mondo del calcio. Consigli su come cambiare carriera. Come si scova un talento come Rodrygo (Real Madrid). Come conquistare la fiducia di un giocatore di calcio. Le 2 principali qualità per diventare un agente di calciatori importante. Alcuni dei problemi personali dei calciatori. La difficile transizione per un calciatore dalle giovanili alla prima squadra. L’ambientamento all’estero di un calciatore. L’importanza di seguire i propri sogni. Non aggiungo altro e vi auguro buon divertimento! NOTE EPISODIO 5 parole da imparare in portoghese. [0:50] una strada per entrare nel mondo del calcio. [06:40] consigli per come cambiare carriera e l’importanza della gavetta. [12:45] non pensare solo ai guadagni! I soldi sono il risultato di tanto sforzo. [15:50] come si scova un talento come Rodrygo del Real Madrid. [17:45] la paura dell’agente di perdere un calciatore. [20:00] come conquistare la fiducia di un giocatore di calcio. [22:00] le 2 principali skills per sfondare come agente di calciatori.[25:10] la settima tipo di un agente di calciatori. [26:30] l’influenza del lavoro di agente sulla vita privata. [29:00] i problemi personali che affrontano i calciatori e il supporto ai calciatori. [32:00] la difficile transizione per un calciatore dalle giovanili alla prima squadra di un club. [34:00] la pressione della famiglia sui giocatori di calcio. [36:00] la transizione per il calciatore che cambia squadra e paese. Il caso di Rodrygo. [38:00] i calciatori e gli investimenti. [42:30] il futuro della professione di agente di calciatori. [47:30] il calcio dopo il Covid19. [48:00] la serie tv Homeland, l’importanza di avere un sogno e la ricerca dell’equilibrio. [52:30] PERSONE E AZIENDE MENZIONATE Rodrygo Gabriel Menino Un1que Football Real Madrid

Dec 2020

1 hr 6 min

Lorenzo Taddeucci è un calciante di calcio storico fiorentino dove gioca per la squadra dei Bianchi di Santo Spirito. Lorenzo lavora nel mondo del pugilato, si occupa di seguire la palestra della squadra dei Bianchi a Firenze (IG: accademiabianchisantospirito) e segue l’account Instagram dei Bianchi di Santo Spirito (IG: bianchisantospirito). Con Lorenzo ho parlato dell’incredibile mondo del calcio storico e soprattutto della paura. Nelson Mandela diceva che l’uomo coraggioso non è quello che non ha paura, ma quello che conquista la paura! Lorenzo ci spiega le sue routines e strategie per affrontarla e per conviverci. In questo episodio esploriamo molti temi tra cui: Alcune riflessioni sul pugilato. Le regole del calcio storico. Tecniche per gestire la tensione. Un metodo per usare il sonno in maniera intelligente. Il menù del legionario. Una tattica per aumentare la concentrazione. Il significato “palle-cuore-testa” come strumento per affrontare una sfida, conviverci e superarla. Tattiche per gestire la paura. Due documentari sul calcio storico (Lorenzo non ama quello di Netflix). Il positive self talk. Due biografie da regalare a Natale. La farmacia più bella del mondo. E molto altro! Buon divertimento! NOTE EPISODIO [04:00] Riflessioni sul settore del pugilato. [10:20] La figura del calciante. [16:00] "Too small to be a war, too cruel to be a game!" Enrico III di Francia, 1575. [22:30] Un asset importante per la città di Firenze. [24:00] 1530: la partita più famosa della storia e la nascita della tradizione del calcio storico. [31:00] Il calcio storico è uno sport estremo. [32:30] “You cannot play boxing”. [35:00] Le regole del calcio storico. [37:00] Cosa è ammesso nelle regole. Il significato di “praticamente di tutto”. [40:00] La preparazione della squadra alla partita. [47:30] Le routines del giorno della partita. Tattiche per gestire la tensione. [49:00] La gestione del sonno come mezzo per gestire le forze. [50:00] Il giorno della partita. [50:30] Il menù del guerriero. [51:30] La Tunnel Vision come metodo di concentrazione. [53:30] Con le palle ci entri, col cuore ci stai e con la testa vinci. [54:30] Alcune tattiche per gestire la paura. [56:00] Affrontare e non evitare la paura per diventare più forte. [1:00:00] Quanto conosci di te stesso se non hai mai combattuto? [1:01:37] L’uomo coraggioso è quello che affronta la paura. Nelson Mandela. [1:01:45] L’importanza dell’allenamento della mente. [1:03:00] I risultati si ottengono attravero l’umiltà e il sacrificio. Forget the scorciatoia. [1:04:00] La palestra dei Bianchi di Santo Spirito a Firenze come centro di aggregazione. [1:06:15] L’attività di Lorenzo presso la OPI Since 82, società di Boxing Promotions. [1:07:30] Il pugilato in Italia. [1:11:30] Il lavoro di manager di pugili. [1:16:00] I “Colpi di Testa” (domande personali a Lorenzo). [1:17:35] Il documentario Copa 90 e il video su youtube “barbaric version of soccer”. [1:19:15] La biografia del fondatore della Nike: "L’arte della vittoria" di Phil Knight. [1:19:40] La biografia di Mike Tyson: "True". [1:24:50] Il “positive self talk”. L’importanza di parlare in maniera positiva con noi stessi. [1:26:00] Un legionario vanitoso: i prodotti per il corpo della farmacia Officina Profumo Santa Maria Novella. PERSONAGGI E AZIENDE CITATE DaZone, UFC, Antonhy Joshua, Michele Verginelli, Di Chirico, Marvin Vettori, James Zikic, Andrea DI Luisa, Nelson Mandela, Marco Aurelio, Diletta Leotta, Manny Pacquiao, Phil Knight (fondatore Nike), Mike Tyson, Zanardi  

Dec 2020

1 hr 33 min

Christian Papalato allena la squadra U15 della Cremonese. Christian ha inseguito il sogno di diventare un giocatore professionista di calcio finché una serie di infortuni ha messo fine alla sua potenziale carriera. Questo però non gli ha impedito di scegliere un cammino altrettanto appagante e importante. Christian ha allenato in alcuni dei migliori settori giovanili d’Italia come il Sassuolo, la Spal e la Cremonese collaborando con la crème de la crème dei dirigenti del calcio giovanile italiano. Christian ha allenato diversi talenti tra cui Giacomo Raspadori (IG: giacomo.raspadori) del Sassuolo sul quale, a detta dello stesso Raspadori, ha avuto un’influenza determinante. In questo episodio esploriamo molti temi tra cui: Una strategia per superare una forte delusione. Il funzionamento di una scuola calcio. Il delicato ruolo delle famiglie nella carriera dei giovani calciatori. Il Metodo Integrato di Christian Papalato. Il muscolo più allenato di un giocatore di calcio. Il talento del Sassuolo Giacomo Raspadori. La bravura del tecnico del Cagliari Eusebio Di Francesco nel lavorare coi giovani. Come si scopre un talento nel calcio. Il caso particolare del Brentford FC in Inghilterra. Un strategia per stimolare i giovani calciatori. La salute mentale dei calciatori – il film Tigers.  rischi per la sfera personale dei calciatori. Non aggiungo altro e vi auguro buon divertimento! NOTE EPISODIO [06:00] I punti di forza e i punti deboli del calcio italiano. [08:14] Una pronuncia particolare del nome di Zanetti . [09:50] La Calabria…i più bravi a sviluppare i giovani calciatori.  [18:00] Come Christian è entrato nel calcio. [18:30] L’infortunio, la fine del percorso di calciatore e gli inizi da allenatore. [22:45] L’ambizione orizzontale. [24:00] Una riflessione sui genitori dei giovani calciatori. [25:30] L’evento che ha plasmato Christian. [28:30] Una tattica per superare una forte delusione (aver trovato un altro obiettivo). [29:10] L’importanza di avere sempre obiettivi chiari. [32:00] La www.worldchild.it [33:00] Il funzionamento di una scuola calcio. [43:00] Italia vs. Estero nella definizione di talento. [44:50] Una nuova professione in Brasile: Il papà del calciatore. [45:50] Il rapporto dell’allenatore con le famiglie dei giovani calciatori. Consigli. [49:00] Collaborare con le famiglie: un vantaggio competitivo per un settore giovanile. [53:25] Il Metodo Integrato come metodo di sviluppo tecnico. [54:45] Il muscolo più allenato del giocatore di calcio. [55:15] Approfondimento del Metodo Integrato. [58:00] Il dilemma dell’allenatore di calcio giovanile. [1:00:00] Il periodo al Sassuolo. [1:03:45] Il talento Giacomo Raspadori. [1:06:45] Una statistica curiosa. [1:08:43] Il metodo usato per stimare la crescita fisica di un giovane atleta. [1:11:00] Eusebio Di Francesco. Un allenatore col vizio di far crescere i giovani. [1:13:00] L’allenatore come Manager con poteri decisionali allargati. [1:15:30] Come si scova un talento. [1:20:30] L’importanza di osservare i giocatori dal vivo (vs. Wyscout). [1:21:45] Il caso particolare del Brentford FC [1:26:00] Il ruolo sociale e formativo dell’allenatore delle giovanili. [1:27:00] Una tattica per stimolare il giovane calciatore. [1:29:30] La salute mentale dei giocatori. [1:30:10] Il film Tigers [1:37:00] Il compromesso del leader. [1:38:50] I club non fanno ancora abbastanza per supportare al meglio i propri atleti. [1:39:35] L’esempio di Kevin Love dei Cleveland Cavaliers (NBA). [1:42:30] I rischi per la sfera personale dei calciatori. [1:47:40] L’esperienza attuale alla Cremonese. [1:58:18] Una citazione di Kennedy a cui Christian si rivolge spesso. [2:00:00] Un aneddoto su Raspadori. [2:04:00] I Colpi di Testa (domande personali a Christian). ALCUNE PERSONE CITATE NELL’EPISODIO Pablo Longoria, Alberto Bollini, Massimo Varini, Paolo Mandelli, Gianni Soli, Giacomo Raspadori, Francesco Palmieri, Stefano Piccinini, Domenico Berardi, Eusebio Di Francesco, Lorenzo Pellegrini, Pierpaolo Bisoli, Nicolò Zaniolo, Arsène Wenger, Alex Ferguson, Roberto De Zerbi, Gianpiero Gasperini, Andrea Pirlo, Pep Guardiola, Roberto Mancini, Zinedine Zidane, Cesare Prandelli, Luciano Spalletti, Nereo Bonato, Stefano Fattori, Alessandro Mercati, Daniele Adani, Davide Vagnati   

Dec 2020

2 hr 14 min

Paolo Salvarezza è il co-fondatore dell’agenzia di sport marketing ySport (IG: @ysport.agency) che si occupa della gestioni di profili Instagram di sportivi ed ex sportivi come Andrew Howe (IG: _andrewhowe_), Ryder Matos (IG: rydermatos) o Paulo Roberto Falcao (IG:prfalcao5). Paolo vive in Olanda dove studia International Sport Management all’università The Hague University. La combinazione di uno studente con un profilo internazionale e con le idee già molto chiare fanno di questo episodio un punto di riferimento per chi ha dei dubbi su che percorso di studi intraprendere, per gli sportivi che vogliono saperne di più su come utilizzare i propri profili social come strumento per guadagnare o per esprimere un messaggio e non da ultimo per chi vuole lanciare un’attività imprenditoriale digitale. Con Paolo esploriamo diversi temi tra cui: La vita dello studente all’estero. Studiare Sport Management. Casi di depressione nel calcio. Le 3 grandi opportunità che uno sportivo ha attraverso Instagram. Le differenze tra le varie piattaforme di social network. Il funzionamento di un’agenzia di sport marketing. E molto altro. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [03:35] Studiare Sport Management in Olanda [05:20] Il libro di Stephen Covey [05:35] Le materie di un corso universitario in Sport Management [09:45] Perché un italiano va all’estero a studiare? [11:30] Il corso di Management Organization applicato alla Juventus [14:45] Le borse di studio [25:00] La salute mentale nel calcio [27:50] L’omofobia nello sport [32:00] Un’idea per aiutare gli sportivi [34:10] La ysport.agency [35:50] Una riflessione sul post-career degli atleti e i social network come canale per promuovere le proprie idee [36:10] CR7 guadagna più dai social che dal calcio [42:20] Il cliente della ysport.agency Paulo Roberto Falcão [46:30] Come lavora la ysport.agency con un nuovo cliente (enfatizzare le proprie passioni) [47:30] Il pricing della ysport.agency [50:45] Le opportunità per uno sportivo che sorgono attraverso i social networks (1. sono il biglietto da visita, 2. permettono di monetizzare 3. permettono di trasmettere opinioni al pubblico) [54:15] Come Ibrahimovic sfrutta i social media [55:45] I target delle differenti piattaforme social [1:07:50] Una caratteristica distintiva della ysport.agency [1:09:00] I colpi di testa (domande personali per Paolo) [1:11:20] Il film "La ricerca della felicità e il libro "Le 7 regole per avere successo Stephen Covey" PERSONE MENZIONATE Stephen Covey Beppe Marotta Paratici Kevin Love (NBA) Cristiano Ronaldo Bernardo Silva Mendy Paulo Roberto Falcao Zico Ibrahimovic Özil As Roma Andrew Howe Will Smith Jaden Smith Joe Rogan Post Malone Thorsby  

Dec 2020

1 hr 29 min

Deni Fiorentini (IG: @denifiorentini) è uno dei giocatori di pallanuoto italiani più importanti degli ultimi decenni. Deni è stato un pilastro della Nazionale Italiana con cui ha vinto la medaglia d’oro ai Mondiali di Shangai nel 2011 e la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Londra nel 2012. Deni è un appassionato del film Ogni Maledetta Domenica famoso per il discorso di Al Pacino. Riascoltatevi quel famoso discorso. Ebbene Deni è un buon esempio di un atleta che si è “massacrato di fatica per guadagnare un centimetro dopo l’altro”. In questo episodio si esplorano molti temi tra cui: Gli insegnamenti che si traggono dalla fatica. L’importanza dello studio e dell’istruzione. La difficoltà di prendere la decisione di iniziare una nuova carriera. La dieta di un campione. La capacità di adattamento degli sportivi. L’importanza di focalizzarsi sull’obiettivo finale. Film e un'idea per un bel regalo. Buon ascolto! NOTE EPISODIO [05:20] Quando Deni ha capito che la sua passione poteva diventare un lavoro. [08:30] Quanto la forza di volontà determina il successo di un campione. [13:10] La dieta di un campione. [24:00] La transizione di carriera dello sportivo. [32:00] Il gioco falloso nella pallanuoto. [40:55] Si parla dell’importanza dell’istruzione. [44:00] Il fallimento “preferito”. [50:00] Come rialzarsi dalle sconfitte. [51:40] La capacità di adattamento degli atleti. [53:20] Un messaggio di Deni per gli ascoltatori. [1:00:00] L’importanza di focalizzarsi sull’obiettivo finale. PERSONE MENZIONATE Gianmarco Pozzecco Javier Zanetti Fabio Borini Sandro Campagna Goran Fiorentini Aleksandar Ivovic

Dec 2020

1 hr 19 min